Globe Trotter involontario, sin da bimbo, al seguito di una famiglia di migranti italiani in Africa, coltiva e accresce la sua innata passione per il disegno che diventa il linguaggio principe con cui raccontare quei viaggi che lo hanno portato a visitare alcuni tra i luoghi più insoliti del continente. Le diverse scuole artistiche hanno affinato la sua innata passione per il disegno e la tecnica dell’acquerello. Organizza viaggi studio in Africa insegnando come realizzare colorati carnet de voyage con l’aquerello .